(IN) Netweek

MONZA

Scanagatti (Anci): "Con nuovi tagli, dovremo chiudere i Comuni"

Share

"Apprezziamo lo sforzo che il Governo sta compiendo per ridurre i vincoli imposti dal patto di stabilità che può permettere ai Comuni di fare gli investimenti che servono, dalla difesa del territorio alla manutenzione delle scuole e delle strade, ma se le ipotesi di nuovi tagli dovessero diventare concrete non avremmo più alternative, dovremmo chiudere i Comuni".

Lo dichiara il presidente di Anci Lombardia e sindaco di Monza, Roberto Scanagatti, commentando le prime ipotesi sui contenuti della Legge di stabilità fornite dal governo.

"Dal 2010 a oggi, come molti sanno - continua il presidente di Anci Lombardia -, i Comuni hanno contribuito al risanamento delle finanza pubblica con 17 miliardi di euro, di cui 8 miliardi di tagli alla spesa corrente destinata ai servizi tutti i giorni erogati ai cittadini, dagli asili all'assistenza agli anziani al trasporto pubblico. I Comuni non sanno più dove tagliare, se non incidendo nella carne viva dei cittadini, soprattutto di quelli più deboli. Chiediamo a tutti, a cominciare dagli imprenditori - conclude Scanagatti -, di sostenere il nostro appello perché senza gli investimenti che possono generare i Comuni per interventi utili ai cittadini e al territorio, non c'è nessuna possibilità di rilanciare l'economia locale e nazionale. All'Europa va detto chiaramente che con il rigore non c'è nessuna possibilità di crescita".

Leggi tutte le notizie su "Monza"
Edizione digitale

Autore:pdn

Pubblicato il: 15 Ottobre 2014

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti

Hai a disposizione 2500 caratteri

Ne stai uililizzando 20

Per commentare devi essere loggato.